martedì 24 gennaio 2017

Le trecce sono le peggiori nemiche dei papà

Tra tutte le attività di cura di una figlia, dal cambio pannolino, al bagnetto, passando per biberon, pappe e  nanna, per le quali sono convinto che un papà possa, se vuole, essere bravo quanto una mamma, ce n’è una che veramente può metterci seriamente in difficoltà: fare una treccia.
E’ un passaggio obbligatorio per chi ha una figlia. E di solito deve essere fatta in tempi stretti, prima di uscire di casa per andare a scuola, quando di solito si hanno i minuti, se non i secondi, contati.
Sei lì. Guardi la testa di tua figlia, e vorresti quasi avere di fronte un marine che si pettina con il rasoio, ma non è così.
Ti guardi le mani, vedi il pollice opponibile. Migliaia di anni di evoluzione che sono serviti per scheggiare pietre, fare utensili, accendere il fuoco. Per un attimo, fare una treccia ti sembra una delle cose più banali.
Fai due conti veloci. Hai due mani, le ciocche di capelli sono tre. Ci deve essere un errore da qualche parte. Sembra uno dei tanti rompicapi che girano in rete. La butti sulla matematica. Hai 2 mani e devi intrecciare 3 ciocche? Poi hai un’illuminazione, come quando a scuola capivi quale era la soluzione di un problema. In realtà hai 5 dita per mano. Quindi sarebbe un 10 contro 3. Si può fare. Ti sembra di “vincere facile”.
Però l’occhio ti cade su spazzola e gommino. In realtà dovresti trovare il modo di pettinare le ciocche prima di iniziare a intrecciarle. E, qui, inizi a scendere inevitabilmente nel  baratro della depressione. 
Perché, per quanto tu possa impegnarti, per quanto tempo tu possa avere a disposizione, anche ad un occhio distratto quella apparirà una treccia fatta da un papà.

1 commento:

  1. Non disperare:
    ho sempre amato fare le trecce... con il pensiero perché avevo i capelli corti e le bambole pure (anni '70), mentre la Barbie costava un'occhio della testa o... nel mio caso aveva davvero pochi capelli.
    Di figlie ne ho 2: una va a danza e le occorre lo chignon, due volte a settimana. I primi tempi lo facevo con orrore, pensando ad un'inevitabile sguardo di disapprovazione da parte dell'insegnante ed immaginandomi catastrofi sull'autostima della figlia.
    Adesso... lo faccio al volo come viene viene: tanto al saggio o agli appuntamenti più importanti c'è sempre qualcuno veramente capace (detto senza invidia) e disponibile a prendersi in carico la figlia altrui... Intanto, anche la mia è tutta esperienza "in fieri"
    L'importante è tentare e fare del proprio meglio. Poi le bimbe crescono e se la faranno da sè la treccia (la mia grande ci è riuscita a 11 anni)
    Auguri!
    Shalan

    RispondiElimina