martedì 5 marzo 2013

Touché

Il colpo di coda dell'inverno mi ha preso in pieno e mi ha steso a terra con febbre, mal di gola e tosse.
Domenica dopo pranzo, prima della nanna, siamo usciti a fare due passi nel parco sotto casa per approfittare delle uniche ore di sole della giornata.
Con piumino e sciarpa mi sono aggregato a mamma e figlia in qualità di osservatore esterno, "vi guardo ma non faccio niente". Camminando ci siamo avvicinati a un campino dove due bambini stavano parlano tra di loro a pochi passi da un pallone, probabilmente dopo aver finito una partitella.
 
Io penso “Va bene il sole ma stare fermi in pantaloncini e maglietta!”
Poi, polverizzando quella frazione di secondi che ci separa dal pensare una cosa e decidere di dirla, secondi importanti, che alcune volte ci hanno salvato per aver taciuto, altre li abbiamo rimpianti per non aver saputo usarli bene, ho detto:
“Certo, fermi in pantaloncini e maglietta con questo freddo.”
 
Veloce come rapace su una preda predestinata, come se avesse già preparato la risposta a casa mentre ci vestivamo per uscire, precisa e tagliente come un rasoio, della cui ferita ti accorgi sempre un attimo dopo, è arrivata la risposta da mia moglie.
“Ma avranno trenta anni meno di te!”
 
 

16 commenti:

  1. Ihihihihi! Scusa non voglio infierire, ma puoi darle torto??? ;))

    RispondiElimina
  2. Il freddo e' freddo....l'età non c'entra....certo se poi ti sei ammalato ed eri tutto vestito?!?!?!?!,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà ero già influenzato, per questo stavo coperto ;)

      Elimina
  3. E' la prima volta che ti commento e non è carino dire che tua moglie forse avrà ragione ma....ops l'ho detto! In ogni modo recupero dicendoti che ho letto Capelli blu e mi piace. Complimenti. Potrebbe essere anche una storia raccontata per spiegare ai bambini la diversità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non preoccuparti, quando le mogli hanno ragione, hanno ragione ;)

      L'intento della favola era proprio quello, di raccontarla ai bambini per affrontare il tema della diversità. So che qualcuno l'ha letta ai suoi figli.

      Elimina
    2. Pensavo di averla letta io così mi fa piacere xké tocca a noi genitori sensibilizzare oggi i nostri figli per un domani migliore .....poi io sono particolarmente sensibile alla questione :-)

      Elimina
    3. Credo che affrontare ed accettare la diversità, propria e altrui, sia il tema dei temi in un mondo che ci porta sempre più verso l'omologazione.

      Elimina
  4. Appartenendo oramai alla categoria dei nonni, non posso non ricordare con nostalgia queste "rasoiate" che colpirono anche me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino che da nonno ne avrò collezionate parecchie ;)

      Elimina
  5. Ma sono gli ormoni che crescono a far sentire tutto quel caldo :D
    Tra poco mi sa che tornerò dalla loro parte con la menopausa :)) Pazienza, tanto non c'è cura all'età, prendiamo il bello dell'esperienza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, purtroppo la vecchiaia non è sinonimo di saggezza :) Cerchiamo di prendere il bello di ogin periodo...
      Come dico a mio padre che si lamenta degli anni a ogni compleanno, l'alternativa ai compleanni è sicuramente peggiore ;)

      Elimina
  6. Com'era quella cosa del "cuore caldo"?
    Stai sereno, fra trent'anni avranno più acciacchi di noi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema sono i nostri acciacchi di adesso ;)

      Elimina
  7. Come ti capisco, sono colpevole di una recente corsettina (ma ina-ina) al freddo che mi ha punita in modo pesante, proprio con i tuoi stessi sintomi, un'attimo prima nulla poi, uno straccio. Mi succede raramente ma quando prende ti butta a terra. Curati.

    RispondiElimina