mercoledì 7 novembre 2018

Parole che svaniscono dalla nostra vita

Babbo, babbo, ...” Rientrato a casa, mi viene incontro mia figlia che mi chiama per salutarmi.

Fino a quel momento non mi ero reso conto che ci sono parole che d'improvviso svaniscono dalla nostra vita. Parole che ci hanno accompagnato per tanti anni, che sembravano normali, che facevano parte della nostra quotidianità ma che, di punto in bianco, non torneremo più a pronunciare.

Una delle prime parole che ho imparato a dire e che, nel corso della mia vita, avrò pronunciato sotto tante sfumature, come in quegli esercizi che fanno nelle scuole di teatro per insegnare agli attori l'importanza dell'intonazione. Con amore, con tenerezza, con rabbia, con rancore, con delusione, con gratitudine, sottovoce, urlando, per chiedere, per ringraziare, per presentare, ridendo o piangendo.
Una parola che si abbinava a tante altre esclamazioni, quasi un rafforzativo: “Oh babbo!”, “Ma babbo!”, perfino “Che palle, babbo!”.

Adesso, che ne sono stato privato io, non posso che lasciarla come prerogativa di mia figlia.

Nessun commento:

Posta un commento