lunedì 13 maggio 2013

“...io che non parto e sto a guardarti e che rimango sveglio...”


C'è qualcuno che dice che questi giovani papà si sono un po' rammolliti. Che, sì va bene, hai avuto un figlio ma adesso torna com'eri prima. Che, a casa ce l'avrai la moglie e una nonna. Che tanto ora sono piccoli, aspetta che crescano.
 
Mi è capitata all'orecchio la bellissima canzone di Vecchioni “Stranamore”, una delle tante, che vi invito ad ascoltare o a riascoltare facendo bene attenzione alle parole. In precedenza mi avevano colpite più altre parti del testo, adesso mi sono soffermato più nel momento in cui dice “... io che non parto e sto a guardarti e che rimango sveglio...”.
 
Questa è la mia sensazione. Per me adesso non è il momento di partire da solo è il momento di stare insieme. Non potrei partire per imprese eroiche o epiche, non sarebbe il mio momento giusto. Dovranno aspettare traversate oceaniche in solitaria, conquiste di vette mai scalate, apertura di aziende dall’altra parte del mondo, conclusioni di contratti internazionali.  
In questo momento voglio vedere crescere mia figlia e fare in modo che non passino troppi giorni dall’ultima volta che le ho rimboccato le coperte. 
 
Bello l'eroe con gli occhi azzurri dritto sopra la nave, […]
ed io ti ho sollevata figlia per vederlo meglio,
io che non parto e sto a guardarti
e che rimango sveglio.
Forse non lo sai ma pure questo è amore.

7 commenti:

  1. Ecco...questo dovrebbe sentire un padre...

    RispondiElimina
  2. E dovrebbe essere una gioia e non una privazione, per dare senso ad una scelta - quella di essere genitore - che non è certo obbligata. Eppure non è così scontato, mi chiedo perché.
    Anch'io ho appeso la valigia solitaria al chiodo, o almeno è assolutamente un'eccezione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che dovrebbe venire naturalmente, come stagione della vita.

      Elimina
  3. bella la canzone di Vecchioni, in effetti non avevo mai prestato la giusta attenzione alle parole.

    urgeva unirci alla comunità "dad on duty". SOno contenta di farlo in corrispondenza di questo post, che incornicio per riammirarlo

    http://squabus.blogspot.fr/2013/05/quando-un-papa-fa-il-papa.html
    (avevo cercato di usare la funzione 'link a questo post', questa sconosciuta, ma mi sono incasinata tantissimo....)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora BENVENUTI nella comunità "Dad on duty"!
      Ti inserisco nella lista degli amici :)

      Grazie per il tuo post.

      Elimina
  4. Che bello leggere un papà che dice che vuole vedere sua figlia crescere e rimboccarle le coperte. BRAVO!!
    Buona giornata
    Francesca

    RispondiElimina
  5. Non dovrebbe essere un peso stare lì e rimanere a guardare. Questo è amore. E' la conseguenza di una scelta, la scelta dell'essere padre. La presenza continua di un padre nella vita dei propri figli è fondamentale per la loro crescita.

    RispondiElimina