domenica 27 aprile 2014

Nelle tasche dei papà

Negli ultimi tempi mi sono reso conto di trovare nelle tasche della giacca o del cappotto un contenuto quanto mai particolare.
Succede che, quando arrivo a lavoro dopo aver accompagnato mia figlia all’asilo, riuscendo a malapena a infilare le mani nelle tasche piene possa trovare:
- il pupazzetto che all’ultimo minuto prima di entrare ha deciso di non voler più portare con sé,
- un giochino non proprio adatto per portare all’asilo e per il quale siamo arrivati al compromesso di farci solo il breve viaggio in auto da casa,
- uno scottex con dentro un rimasuglio di biscotto, quando va bene ce n’è uno intero che mangio subito dopo la scoperta,
- un paio di fazzoletti accartocciati, questo solo nei periodi di forte raffreddore.
Per non parlare poi di quando, a metà giornata, tiro fuori dalla tasca un fazzoletto di carta per soffiarmi il naso e mi trovo faccia a faccia con PeppaPig. 
“Ce ne sono tanti, usiamoli anche noi” è la giustificazione di mia moglie di fronte alle mie rimostranze. 
In realtà è solo un'altra occasione simpatica per rimandare il pensiero a mia figlia durante la giornata. La vera lamentala riguarda il soggetto, io avrei preferito SpongeBob.

2 commenti:

  1. Posso sfidare le tue tasche facendoti rovistare nella mia borsa!!! ;-)))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma le borse delle mamme sono un classico ;)

      Elimina