martedì 22 settembre 2015

Un racconto breve per parlare di #bullismo

Per trattare di un argomento che ci tocca direttamente non c’è niente di meglio che farlo con un racconto. 
Questo perché attraverso i personaggi e le situazioni della storia riusciamo meglio ad aprirci e, senza dichiararlo apertamente, a parlare di noi, delle nostre esperienze, dei nostri pensieri, delle nostre paure, delle nostre preoccupazioni e delle nostre speranze. 
Il racconto è quella maschera di cui parlava Oscar Wilde che ci permette di dire la verità.

Per questo che ho scritto questo racconto breve nella speranza che venga letto dai ragazzi e dalle ragazze e che possa favorire una discussione sul tema del bullismo
Perché è proprio del silenzio che si nutrono questi fenomeni.

Chi vuole leggerlo può trovarlo a questo link
Buona lettura! E se vi piace, fatelo girare...

4 commenti:

  1. Ciao, papà molto attento, ho condiviso il tuo post.

    RispondiElimina
  2. Che bello il tuo racconto, potrebbe applicarsi a tante situazioni, servirebbero milioni di fischietti per far alzare la testa e abbassare l'indifferenza. Siamo così abituati ad accettare tutto in silenzio che un rumore tanto forte forse potrebbe costingerci a reagire. Bravissimo, come sempre, fammi pensare a come condividerlo per bene ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Marzia.
      Qualsiasi idea o iniziativa sarà benvenuta.

      Elimina